ItalianoEnglish
La locandina di Corto e Fieno 2020
L'undicesima edizione in programma il 2-3-4 ottobre

La locandina di Corto e Fieno 2020

La locandina di Corto e Fieno 2020 è opera di Luca Di Sciullo, illustratore marchigiano che firmerà anche la sigla della nuova edizione del Festival.

Protagonisti dell'illustrazione, gli omortaggi: creature umane e vegetali che troviamo spesso nella poetica di Di Sciullo, particolarmente legata al mondo vegetale.

L'autore dichiara:

"Ho sempre sentito il mondo rurale come molto vicino a me. Mio nonno, un autentico contadino, scandiva le stagioni con i lavori da fare in campagna. Ogni tanto da piccolo andavo ad aiutarlo e vivevo quei momenti come se fossi all'interno di un film di cui lui era il protagonista. Mi portava a liberare le viti dalle erbacce, a dar l’acqua alle piante, a raccogliere le mele. Di quei momenti ricordo soprattutto gli odori: quello della terra appena arata, delle mele mature e l'inconfondibile profumo del Fiat 505c.

Corto e Fieno per me sono due agricoltori, due amici, che al termine di una stancante giornata di lavoro nei campi riposano le braccia e illuminati dal maxischermo si godono un film nella frescura di una serata autunnale".

Luca vive a Fano, a Urbino forma i suoi primi interessi artistici frequentando la Scuola del Libro e il biennio di specializzazione in Animazione tradizionale che influenzerà la sua poetica. Deciso che la strada da percorrere è quella dell’illustrazione si trasferisce a Bologna all’Accademia di Belle Arti dove forgia il suo stile grafico.  

Il libro “Il manifesto del terzo paesaggio”, l’amore per le fotografie di posa e per la cucina hanno alimentato da sempre la realizzazione di numerosi progetti personali con tema natura e città, cucina e fotografie d’epoca. Il lavoro di Luca è fatto di silenzi, di attese, le sue immagini apparentemente statiche riescono a far sentire che c’è dell’altro.  

Ha collaborato come illustratore per le riviste “Lo Straniero” e “Hamelin”.

È autore rivelazione per “Autori di Immagini” nel 2013.

Nel 2017 ha lavorato come animatore tradizionale al lungometraggio “La strada dei Samouni” del regista Stefano Savona e sotto la direzione artistica di Simone Massi, film premiato al Festival di Cannes 2018.

Nel 2018 pubblica il suo primo libro “La Fioraia” come autore unico per Topipittori. Dal 2019 conduce Muscoli di Carta, un’officina di laboratori di illustrazione e animazione tradizionale a oggi attivi a Fano e Pesaro (PU).

L'appuntamento è per il 2-3-4 ottobre con l'undicesima edizione di Corto e Fieno, Festival del cinema rurale. 

Stay rural!

 

>>> Scarica la locandina <<<

Copyright © All rights reserved Associazione Culturale Asilo Bianco - Codice Fiscale 91009990036
Realizzazione e web marketing: Netycom Srl